Il peso della farfalla di Erri de Luca

Tout Avec Presque Rien
Tout Avec Presque Rien
Il peso della farfalla di Erri de Luca
/

Ascolta la versione francese

Merci à Dolcevita traductions


Ciao, sono Beatrice 

Partiamo oggi sulle ali di un libro che ci porta nelle favolose montagne delle Dolomiti.  
Questo piccolo romanzo, lo ha scritto un amante dell’alpinismo, che sicuramente è rimasto ore e ore ad osservare la vita selvaggia in queste cime solitarie. 
Il peso della farfalla di Erri de Luca. 
Mi sono spesso chiesta che cosa significa l’espressione « creatura selvaggia »? 
Erri de Luca tenta di rispondere a questa domanda tramite una storia vissuta lontana da noi, lontana da tutto : nella natura dove l’uomo quasi non esiste, nella natura che chiamiamo « selvaggia », dove scopriamo che bellezza e crueltà spesso non sono incompatibili. 

Aveva seguito cervi, caprioli, stambecchi, ma di più camosci, le bestie più perfezionate alla corsa sopra i precipizi. In quella preferenza ammetteva la spinta dall’invidia. Si muoveva sulle pareti a quattro zampe senza un briciolo della loro grazia, senza il soprapensiero a testa alta del camoscio che lascia fare ai piedi.  
L’uomo poteva anche scalare difficoltà superiori, salire dritto dove loro aggirano, ma restava incapace della loro intesa con l’altezza.  
Loro ci vivevano dentro, lui era un ladro di passaggio. 

Erri de Luca ci racconta la vita di un camoscio. Il re dei camosci. 
Non, non siamo in una fiaba ! Anche se Erri de Luca ci fa leggere il pensiero dell’animale, anzi va fino ad immaginarlo parlare, stranamente, non diventa mai improbabile. Stiamo sempre nella più limpida realtà. Questa è una caratteristica del’autore : riesce a sfiorare il meraviglioso… appena appena per incantarci, noi lettori, per trasformare l’audacia in poesia. 

La storia inizia d’autunno.  
Chiudiamo gli occhi, ascoltiamo il suono dell’acqua che corre e sembra ridere lungo le roccie nere. Gli alberi hanno un colore rosso, e dondolano nel vento soffice della sera. Qua e là le ultime farfalle bianche ci sembrano annunciare i fiocchi di neve che arriveranno tra qualche mese. 

Il peso della farfalla. Questo titolo è un pó enigmatico, no ? Pensiamo subito al’ « effetto farfalla », certo… al fatto che le cose sono legate insieme aldilà di tutto.  
Non posso rivelare adesso il perché di questo titolo, perderemmo una gran parte del suo fascino. 

Il camoscio non è l’unico eroe di questo libro : Erri de Luca traccia la vita dell’animale in parallelo con la vita di un uomo. Entra nei pensieri del camoscio, e allo stesso tempo, nei pensieri del cacciatore. Ma… il camoscio ha un pensiero ? Cosa significa « pensare » per un animale ? E per quest’uomo solitario, che vive al ritmo delle stagioni in mezzo alle montagne, cosa significa « essere selvaggio » ?   

Era l’ultimo passo dell’autunno, poi sarebbe venuta la neve e il suo magnifico silenzio.  Non ce n’è un altro che valga il nome di silenzio, oltre quello della neve sul tetto e sulla terra. (…) 
Al re piaceva quando la montagna se ne sta in abbraccio stretto col temporale e il vento. L’aquila non vola e l’uomo non sale. 
Il re dei camosci era vestito di vento. 

Erri de Luca esplora le tematiche del « pensare » e dell’ « essere selvaggio » non scordando mai che l’istinto animale -ma anche umano- è sempre legato ai sensi di percezione, ma non solo ! dipende soprattutto dal senso del tempo. Il camoscio vive al presente, in realtà non ha conscienza del tempo, perché prima di tutto lo vive.
L’uomo invece capisce il tempo in modo razionale, e perciò sa che un giorno morirà. L’animale non sa che morirà, ma quando sta per arrivare l’attimo della morte, lo sente. L’uomo sa, il camoscio sente…questo è un sapere molto differente. 

Conoscete il film di Jean-Paul Rappeneau « Le Sauvage » con Yves Montant et Catherine Deneuve ? ed il film piu recente di Sean Penn « Into the Wild », del quale abbiamo sentito la colonna sonora, sapete che è tratto da un libro di Jon Krakauer chiamato « Viaggio in fondo alla solitudine” ?  
Per scoprire altri dettagli sull’ « essere selvaggio », e soprattutto per apprezzare più avanti la scrittura di Erri de Luca, vi invito ad ascoltare il podcast completo, in Francese consacrato a questo meraviglioso libro. Ritrovate tutto quanto sulla pagina del nostro sito “Tout avec Presque rien”, « Tutto con quasi niente », serie “Voyage littéraire”.  

Ci sentiamo presto ! 


Musiche utilizzate nel nostro podcast

  • Guaranteed di Eddie Vedder, estratto dal film Into the Wild di Sean Penn
  • The mission main theme di Ennio Morricone, estratto dal film Mission di Roland Joffé

Le musiche che aprono e chiudono il nostro podcast sono scritte e interpretate da Alex Pardossi